Urbex
18 Novembre 2017

Stabilimento aeronautico Caproni, le ali del Duce

L’ex stabilimento aeronautico caproni voluto dal duce per scopi propagandistici sta cadendo a pezzi. Ecco ciò che rimane.

Lo stabilimento aeronautico Caproni fu fondato per volere del Duce nel 1933 nella cittadina di Predappio. Gli aerei costruiti alla Caproni erano poi collaudati nel vicino aeroporto di Forlì. Il complesso era strutturato su due piani e comprendeva sia officine che uffici. La mancanza di restauro e l’incuria hanno portato progressivamente lo stabilimento Caproni al totale disfacimento. Lo stabile è completamente pericolante e ricoperto dalla vegetazione, i piani superiori sono in parte crollati. È troppo pericoloso addentrarsi all’interno.

Caproni

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Stabilimento aeronautico caproni

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

alessio di leo

Dji Inspire 1 pro, Zenmuse X5

alessiodileo

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Mussolini voleva una fabbrica prestigiosa che producesse aerei ad alto contenuto tecnologico e che desse lustro alla sua città natale. All’apice del conflitto mondiale nello stabilimento Caproni lavoravano circa 1400 persone. Dalla fabbrica sono stati rimossi tutti i simboli ricollegabili all’ideologia fascista, rimane solo la “M” di Mussolini stilizzata sulla facciata dello stabilimento. Addentrandosi nel complesso c’è la stanza più affascinante, dove ancora oggi lungo le pareti si possono leggere le scritte “DUCE”.

Urbanmoments

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

aeronautico

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Urban moments

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Stabilimento

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Verso la fine della seconda guerra mondiale, l’attività della fabbrica diminuì fino alla completa chiusura nel 1944. Lo stabilimento aeronautico Caproni è un importante pezzo della storia aeronautica Italiana, bella o brutta che sia, ed è un peccato non aver recuperato il complesso per creare un museo o un polo tecnico industriale. Aver lasciato in completo abbandono questa immane struttura fino ad oggi, è stato un vero e proprio spreco. È talmente malridotta che un suo recupero è un’impresa impossibile.

Urban

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Urban exploration

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Urbex

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

Caproni predappio

Sony A7II, Sony FE 16-35mm f/4 Vario Tessar T*

RECENT POSTS